Editoria Ci sono 2 prodotti.

Editoria

L’editoria in Italia, si sa, non è una attività culturale esercitata in maniera "pura".

I maggiori gruppi editoriali, anche questo si sa, sono ormai controllati, da tempo, da imprenditori che fanno di questa importante ed insostituibile attività uno strumento di manipolazione della coscienza dei cittadini. Questa (in)cultura serve così per asservire, perdendo la ragione stessa della sua esistenza, che è quella di facilitare la libera circolazione delle idee, anche dissonanti, per renderci più liberi nella formazione e formulazione delle nostre opinioni.

A questa logica però sfuggono le piccole case editrici, quelle di nicchia, e quei tipografi che si son sempre sentiti appartenere alla nobiltà artigiana e che in ossequio a questa nobiltà e solo per essa, si sentono "obbligati" al volontario tributo di "dar voce tipografica" ad autori altrimenti votati all’oblio.

E l’amore e la passione di questi tipografi-editori, razza in via di estinzione, ha lasciato preziose testimonianze di una "Storia minore" senza la quale sarebbe, anzi lo è, impossibile comprendere la centralità di ognuno di noi nella formazione della così detta Grande Storia.

Questi "Aldo Manuzio", il tipografo-editore-umanista di Bassiano, sono sicuramente a buon titolo editori puri. Nessun calcolo li spinge a fare attività votate sempre ad una sicura perdita economica: li spinge, come detto, l’amore e la passione per il loro lavoro e per la cultura, e la consapevolezza che la loro mercede è quella di aver contribuito a sconfiggere l’oblio al quale sarebbero inesorabilmente votate storie di qualsiasi natura e genere di Autori che solo per essere tali sono degni di essere consegnati all’eternità.

A questa specie appartengono i Tofani Tipografi in Alatri. Solo per tracciarne a grandi linee l’attività editoriale, ricordiamo il libro dei primi anni '50 "Crescete e moltiplicatevi" di un avvocato di Fiuggi padre di 12 figli, orgoglioso di aver ubbidito al dettato biblico della ripopolazione terrestre. Un libro rigorosamente fatto con la composizione a mano, stampato con una macchina a tavoletta, una Egeria o una Nebiolo, e le cui "forme" venivano, dopo un po’ di pagine, riscomposte per riempire le cassette di lettere che inevitabilmente si esaurivano. Tempi? Biblici anche quelli. Ma non c’era fretta: nel frattempo l’avvocato fiuggino avrà fatto in tempo a generare qualche altro figlio.

Una tappa importante però per i tipografi editori Tofani fu il 1967 quando fu stampata "La Storia di Alatri" di Angelo Sacchetti Sassetti, un professore reatino confinato ad Alatri durante il fascismo. Questa volta la composizione fu fatta in linotype e il libro fu stampato su una macchina tipografica Haidelberg automatica. Una rivoluzione copernicana per gli editori tipografi Tofani: l’ingresso della tecnologia fu da quel punto inarrestabile.

Altra tappa importante fu la stampa, questa volta in offset, degli "Statuti Medioevali di Alatri", curati da Padre Carlo Carosi e Padre Mariano D’Alatri. Uno spaccato di storia cittadina del basso Medioevo con regole e proibizioni chiaramente esplicative di un modello di vita quotidiana della comunità alatrina. Seguirono, in vernacolo, libri di poesie, storie, addirittura un vocabolario con dettagliate regole di scrittura e pronuncia. Questi ultimi composti con la "fotocomposizione", una Bobst fotomeccanica che scriveva ben "cinquantamila caratteri l’ora". Oggi la cosa ci fa ridere, ma vi assicuro che alla fine degli anni settanta questa velocità ritenevamo potesse essere insuperabile.

Arriviamo così al 1982. Don Giuseppe Capone porta in Tipografia un dattiloscritto di un libro sulle origini di Alatri: La Progenie Hetea. Letto in una nottata e decisa la pubblicazione il giorno dopo.

Una pietra miliare nella editoria locale, che dette nuovo impulso a ricerche, studi, convegni e dibattiti sulle origini di Alatri e delle sue mura megalitiche. A questo eguirono vari titoli dello stesso Autore.

Questa esperienza portò l’editore Tofani insieme agli amici Giovanni Fontana, Tarcisio Tarquini, Elmerindo Fiore, Raffaele Manica, e altri la casa editrice Hetea Editrice. Furono editati libri di grande interesse nella avanguardia della poesia sonora e visiva e fu fondata la rivista "La taverna di Aurbach" diffusa in tutto il mondo.

 

RICHIEDI PRODOTTI NON PRESENTI SUL SITO

  • Cataloghi d'arte - CHIEDETECI UN PREVENTIVO
    Non disponibile

    Cataloghi d'arte - CHIEDETECI UN PREVENTIVO

    Cataloghi per mostre d'arte.Rilegature in Brossura filo refe.Copertina cartonata, morbida, in morbido olandese.Stampa di qualità.Assistenza al clientePossibilità di assistere alla stampa.

    Cataloghi per mostre d'arte.Rilegature in Brossura filo refe.Copertina cartonata,...

    Cataloghi per mostre d'arte.Rilegature in Brossura filo refe.Copertina cartonata, morbida, in morbido olandese.Stampa di qualità.Assistenza al clientePossibilità di assistere...

    0,00 € iva incl.

  • Rilegature Creative - CHIEDETECI UN PREVENTIVO
    Non disponibile

    Rilegature Creative - CHIEDETECI UN PREVENTIVO

    Per piccole tirature si possono avere creazioni uniche ed originali.Anche con il dorso colorato. Il volume di apre perfettamente a 180° Si possono mescolare carte diverse.

    Per piccole tirature si possono avere creazioni uniche ed originali.Anche con il dorso...

    Per piccole tirature si possono avere creazioni uniche ed originali.Anche con il dorso colorato. Il volume di apre perfettamente a 180° Si possono mescolare carte diverse.

    0,00 € iva incl.